Castello di Pralormo

castello di Pralormo
castello di Pralormo

Storia

L’origine del castello risale al XIII secolo, quando era una fortezza a pianta quadrata per la difesa del territorio. Dal Medioevo sino all’inizio del XIX secolo l’edificio era circondato da un fossato e vi si accedeva attraverso un ponte levatoio.
La storia del maniero si intreccia naturalmente con quella delle famiglie che lo possedettero nel corso dei secoli.
I fondatori furono i Signori di Anterisio, poi la residenza passò nell’orbita dei Biandrate e successivamente dei Roero. Nel 1680 giunse da Barcellonette Giacomo Beraudo, capostipite della famiglia attualmente proprietaria, quella dei Conti Beraudo di Pralormo.  I  suoi eredi amarono molto questa residenza e vi operarono grandi trasformazioni: fecero costruire nel 1730 la bella cappella dall’architetto Galletti, poi una sopraelevazione della stessa con saloni e camere decorate con affreschi. Eliminato il ponte levatoio, venne costruito il portico d’ingresso, un grandioso scalone e coperto il cortile centrale, trasformato in un salone d’onore, alto tre piani. Il Conte Carlo chiamò anche il famoso architetto paesaggista Xavier Kuerten che creò il magnifico parco all’inglese.
Molto ricchi gli interni che ricreano ancora oggi l’atmosfera della vita nel castello, in particolare quella dell’epoca cui si riferisce l’attuale sistemazione, cioè quella che va dalla  metà dell’Ottocento ai primi decenni del Novecento. La cantina, dedicata alle  attrezzature per la vendemmia e la vinificazione; la vicina grande sala ad archi e mattoni dove sono radunati gli arredi essenziali per le persone che abitavano il maniero, con i primi sistemi per riscaldarsi, per lavare, per illuminare gli ambienti nelle ore notturne. Quindi l’Office con i grandi armadi e i cassettoni dove si conservano i servizi di porcellana e ceramica, la stanza dei domestici con le loro livree, la grande cucina, ricca di ogni tipo di attrezzatura e con l’angolo  dello chef pasticcere, le dispense, il pozzo, la sala da bagno, il grande salone d’onore illuminato da un magnifico lucernario in vetro. A seguire la camera da pranzo, apparecchiata per dodici ospiti per rievocare un famoso pranzo che diede il trisnonno degli attuali proprietari allestito con porcellane di Meissen e con esposto anche il menu di diciotto portate, la camera di Carlo Beraudo di Pralormo (1784-1855) che fu Ambasciatore a Vienna e a Parigi, Ministro delle Finanze e che ricevette dal Sovrano il Collare dell’Annunziata, massima onorificenza di allora. Infine il salotto azzurro, dove si radunavano le dame con i figlioletti per esercitare le arti femminili del ricamo, della musica, della conversazione.
Al termine della visita si può ammirare la Serra, arrivata da Parigi a fine Ottocento, e la zona denominata “giardino”.
Nel mese di aprile, ormai da dodici anni, si visita anche il grande parco per ammirare la fioritura di più di 50.000 bulbi di tulipani e di narcisi che fanno parte dell’evento Messer Tulipano.
Manifestazioni principali, eventi ed appuntamenti al castello di Pralormo
OGNI ANNO PER TUTTO IL MESE DI APRILE: MESSER TULIPANO
Dal 2000 ogni anno ad aprile la straordinaria fioritura di oltre 75.000 tulipani e narcisi olandesi annuncia la primavera: MESSER TULIPANO dunque trasforma il parco all’inglese in un vero giardino incantato, che accoglie nelle pertinenze mostre e esposizioni a tema. La manifestazione coinvolge tutto il parco: nei grandi prati sono create aiuole dalle forme morbide e sinuose, progettate ponendo particolare attenzione a non alterare l’impianto del parco voluto dall’architetto di corte Xavier Kurten, le aiuole dunque “serpeggiano” tra gli alberi secolari piuttosto che presentarsi geometriche e regolari.
L’edizione 2016 si svolgerà dal 2 Aprile al 1 Maggio 2016.

Indirizzo

via Umberto I, 26 10040 Pralormo (TO)

Orari di apertura

Per gli orari di apertura potete consultare il sito del Comitato per la Valorizzazione dei Castelli delle Langhe e del Roero. Il castello è inoltre visitabile durante gli eventi di Turismo in Langa, consulta il Calendario Eventi per le prossime iniziative. In alternativa puoi contattarci per un tour guidato su misura contattandoci: Telefono: 0173.364030; SMS: 342.6019355; info@turismoinlanga.it.

www.castellodipralormo.com 

Scheda descrittiva in collaborazione con : www.castellilangheroero.it


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca