Castello della Volta

Castello della Volta - Barolo

Castello della Volta – Barolo

Il castello della Volta a Barolo è situato a cavallo della dorsale che conduce da La Morra a Novello, in una meravigliosa posizione, purtroppo non pari al suo attuale stato di conservazione, piuttosto decadente.

Storia

Tante sono le leggende che lo circondano. Una va ricordata in particolare: narra di un castellano che conduceva una vita smodata, organizzando feste e conviti nelle sale della sua residenza. Una notte, durante un banchetto particolarmente sfarzoso e sregolato, il pavimento della sala sprofondò inghiottendo tutti i partecipanti. Sembra che ancora oggi si odano gemiti e grida sotto le vecchie mura.

Per quanto riguarda il complesso visibile oggi, questo è frutto di numerose fasi costruttive medievali e di interventi moderni per l’adeguamento alle funzioni rurali e residenziali. Il castello, tra il XVI e la fine del XVIII, viene progressivamente occupato da una serie di edifici di servizio, con adeguamento degli ambienti medievali già esistenti.

Con il decadimento della dinastia dei Falletti, il castello venne abbandonato. Questo stato ha permesso di riconoscere alcune stratificazioni di età medievale: il nucleo originario sembra essere la torre cilindrica, intorno alla quale si sviluppano una serie di strutture prima in materiale deperibile, poi un perimetro murario poligonale con diversi corpi residenziali e rurali. Le maniche addossate alla torre dovrebbero essere state realizzate nella fase trecentesca, sulla base di un progetto unitario e definito. L’ingresso, protetto una volta da un fossato superato da un ponte levatoio, è ora in muratura.

Orari di apertura

È possibile visitare il bene solo dall’esterno.

Scheda descrittiva in collaborazione con www.langamedievale.com


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca