Alba

Torri di Alba

Torri di Alba

Capitale riconosciuta delle Langhe, Alba è una città di circa trentamila abitanti che sorge sulla sponda destra del fiume Tanaro.

Storia

Nel corso della sua storia – più che bimillenaria – è stata a più riprese invasa e saccheggiata, ma ancora conserva le antiche chiese e alcune tra le molte torri medievali – la “città delle cento torri” è un altro modo con cui ci si riferisce ad Alba – che si ergevano orgogliose sopra le sue case. Ne sopravvivono una decina (erette per vanità patrizia o per difesa), racchiuse nel perimetro di un centro storico che conserva intatta la sua fisionomia medievale.

Il centro storico di Alba inizia da via Cavour: fiancheggiata da edifici medievali (la Torre Astesiano, la Loggia dei Mercanti e una nobile casa-torre con resti di finestre a sesto acuto), la strada, già decumano maximus dell’impianto romano di Alba Pompeia, conduce in piazza Risorgimento (detta “del Duomo”). Qui sorge il Palazzo Comunale, la cui aula consiliare custodisce fra le altre una tavola di Macrino d’Alba, grande esponente del rinascimento piemontese. Domina la piazza la Cattedrale di San Lorenzo, imponente edificio che forse già esisteva, in linee romaniche, nel secolo XII, ma che venne ricostruito completamente nel 1486 e poi rimaneggiato più volte in epoche successive. A pochi passi dal Duomo si raggiunge la Chiesa di San Domenico, di stile gotico primitivo, edificata verso la fine del XII Secolo.

Via Vittorio Emanuele (o “Via Maestra”), principale arteria cittadina, attraversa tutta la vecchia Alba, sfociando in piazza Savona, oggi dedicata alla memoria di Michele Ferrero. Qui, anche se i palazzi a portici che si fronteggiano sui due lati maggiori sono di ispirazione ottocentesca, ci si imbatte nella “nuova” Alba, quella dell’industria e del turismo. Al centro della piazza domina la fontana luminosa dedicata al Cavaliere del lavoro Giovanni Ferrero, creatore con il fratello Pietro della maggior industria dolciaria italiana.

A destra di piazza Ferrero si affaccia l’hotel più ricco di storia di Alba, il Savona, creazione di Giacomo Morra (1889-1963), conosciuto con lo pseudonimo di “re dei tartufi“, autore della prima operazione di marketing del secolo, “ideando” il mito del tartufo, la Fiera e la conseguente celebrità di Alba nel mondo.

Visite guidate alla città
Turismo in Langa propone i Tour Alba Panoramica – il Tour delle Cento Torri, Alba Magica® e Alba Family Tour.

E se hai fretta puoi prenotare uno dei nostri Alba Flash Tour.

Per un tour guidato su misura contattaci:
Turismo in Langa
Via Cavour 16, Alba (CN)
Telefono: 0173.364030
SMS: 342.6019355
Mail: info@turismoinlanga.it


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca