Roero DOCG

Roero DOCG

Roero DOCG

Alla sinistra orografica del fiume Tanaro, a nord-ovest di Alba, il territorio denominato “Roero” è da sempre la culla ideale per una viticoltura di qualità ed ha maturato negli anni Ottanta la denominazione di origine controllata “Roero“. A fine dicembre del 2004, la spiccata vocazione ambientale per la viticoltura di qualità e l’elevato livello di gradevolezza dei vini prodotti hanno meritato a questo territorio ed ai suoi vini la DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), Qui l’uva Nebbiolo dà origine al vino rosso Roero.
Descriverne il carattere è come riassumere la vita e la storia di un territorio che ha sempre creduto e voluto proporre al consumatore qualcosa di unico ed esclusivo.
Il Roero è un vino nuovo e storico contemporaneamente, perché fonde in sé un equilibrio perfetto fra innovazione e tradizione. Le sabbie astiane che rendono unici i pendii mediani e superiori del territorio Roero, sono un’eccellente base per questo vitigno, che regala al prodotto finale la nobiltà e l’originalità dei suoi caratteri.
Le sue caratteristiche di fragranza e bevibilità permettono a questo vino di presentarsi sulla tavola del consumatore in tempi ragionevolmente brevi. Tuttavia, l’amore verso questo prodotto induce i vitivinicoltori più accorti e capaci a proporre anche un periodo di maturazione in legno ed affinamento in bottiglia più prolungato.
I caratteri organolettici raccontano di un vino ricco di struttura e capace di resistere alle insidie del tempo: il colore è rosso rubino più o meno intenso, accompagnato da eleganti riflessi granata che tendono ad incrementarsi con il passare degli anni.
Il profumo è ampio ed elegante, con sentori fragranti che rammentano il lampone, le fragoline di bosco, la viola passa e nel tempo si completano con delicate armonie speziate.
Il sapore é seccopieno, di bella struttura, con lunga persistenza aromatica. Anche per questo, il Roero è vino adatto alla cucina della tradizione e del territorio come a quella internazionale, un vino rosso che non fa differenze di stili e di latitudini, ma che bada soprattutto alla gratificazione del consumatore.


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca