Castello di Grinzane Cavour

 

 

castello di Grinzane Cavour

castello di Grinzane Cavour

Storia

Il nome del piccolo borgo rende omaggio allo statista risorgimentale che di Grinzane fu sindaco per diciassette anni. Nominato nel maggio 1832 a ventidue anni, mantenne tale carica fino al febbraio 1849. Alla sua morte il castello passò alla prediletta nipote Giuseppina che sposò il Conte Carlo Alfieri di Sostegno. L’ultima discendente di questa casata, marchesa Adele Alfieri, lasciò il castello al comune di Alba, di cui Grinzane era frazione.

Il comune si divide in due centri, Gallo e Grinzane Cavour. Gallo ospita molteplici attività artigianali e industriali( tra cui la Torrone Sebaste e la Mondo), mentre il centro storico del paese è costituito da Grinzane Cavour, con le sue poche case, strette attorno alla sagoma austera del Castello.

Costruito nella prima metà del XIII secolo, il castello ha subìto alcune modifiche di carattere architettonico. L’odierno aspetto è il risultato di restauri iniziati nel 1961, in occasione dei primi 100 anni dello stato italiano. L’imponente edificio in laterizio ha pianta trapezoidale, con quattro corpi irregolarmente disposti intorno all’esiguo cortile principale. Nel XVI secolo fu ampliato con l’aggiunta delle due pittoresche torricelle cilindriche; dello stesso periodo è, nella Sala delle maschere, il soffitto a cassettoni con 157 tavolette dipinte in occasione del matrimonio di Pietrino Falletti, recanti raffigurazioni di stemmi araldici, animali, allegorie e ritratti.

Oggi è sede dell’Enoteca Regionale Piemontese Cavour, di un ristorante e di un Museo etnografico sulla civiltà contadina. Quest’ultimo ospita materiali relativi a diversi temi: cimeli cavouriani, vini albesi della romanità, ambientazioni della cucina albese nell’Ottocento e nel Seicento, vetri da vino, piatti dell’uva della vecchia Mondovì, reperti attinenti l’enogastronomia albese, le botteghe del maniscalco e del bottaio, una distilleria del Settecento, contadinerie di cortile, pesi e misure, didattica del tartufo.

Dal 1983 il castello è anche sede del Premio Letterario Grinzane Cavour per la narrativa italiana e straniera, istituito dalla Società Editrice Internazionale di Torino per promuovere la diffusione della letteratura fra i giovani. Degna di nota è anche la vecchia Parrocchiale, fatta erigere dal Conte Camillo di Cavour, dedicata alla Madonna del Carmine.

Enoteca Regionale Piemontese Cavour

Costituita nel 1967, l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour è la prima fondata in Piemonte, nonché seconda d’Italia ed è anche per questo che raccoglie vini Doc e Docg provenienti da tutta la regione, anche se propone una selezione più ampia dei prodotti ottenuti dalla viticoltura di Langa e Roero, con Barolo e Barbaresco in testa a tutti. Nello splendido Salone delle Maschere svolge i suoi capitoli l’Ordine dei Cavalieri del Tartufo e dei Vini di Alba, mentre negli altri spazi ospita il nuovo Museo delle Langhe, una ricca documentazione dedicata agli aspetti storici, culturali, produttivi e territoriali tra Langa e Roero oltre ad esposizioni di carattere etnografico, di cimeli cavouriani ed arredi di varie epoche.

Degustazione e vendita

Vini Doc e Docg del Piemonte, con particolare riferimento a quelli di Langa e Roero, grappe ed altri liquori del territorio, prodotti tipici, libri ed oggettistica.

Manifestazioni principali

Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, seconda domenica di novembre;
Alba White Truffle Award, inizio dicembre.

 

Indirizzo

Via Castello 5
12060 Grinzane Cavour (CN)

Orari di apertura

Per gli orari di apertura potete consultare il sito del Comitato per la Valorizzazione dei Castelli delle Langhe e del Roero. Il castello è inoltre visitabile durante gli eventi di Turismo in Langa, consulta il Calendario Eventi per le prossime iniziative. In alternativa puoi contattarci per un tour guidato su misura contattandoci: Telefono: 0173.364030; SMS: 342.6019355; info@turismoinlanga.it.

Scheda descrittiva in collaborazione con www.castellilangheroero.it


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca