Castello di Barolo

 

Castello di Barolo

Castello di Barolo

Il centro di Barolo, rinomato per la produzione di uno dei vini più apprezzati, è posizionato su un altipiano, circondato da distese di vigneti e protetto dalle colline circostanti.
Per conoscere Barolo è importante visitare i suoi castelli, diretta testimonianza dell’epoca medievale: maestoso è il maniero che si innalza a margine del concentrico, raggiungibile percorrendo la via principale, ai cui lati sorgono numerose enoteche per la degustazione dei vini.

Il castello divenne proprietà dall’amministrazione comunale nel 1970: da quel momento subì importanti interventi volti al recupero e al restauro della struttura. Attualmente è sede del Museo del Vino (Wi.Mu).

Storia

Nucleo originario sembra essere la torre quadrata, ancora oggi riconoscibile. Su questa si è poi sviluppato il castello, prima con strutture in materiale deperibile, successivamente con cortine e maniche in muratura. Sono visibili due torrette cilindriche agli snodi meridionali. Le maniche residenziali si addossano alle cortine. L’entrata doveva avvenire con ponte levatoio nell’area dove sorge l’odierna parrocchiale.

Da castello si trasforma in residenza signorile dotata di vari comforts e sale di rappresentanza; nella seconda metà dell’Ottocento è oggetto di una riplasmazione (a cura dell’architetto Trocelli) che ha modificato in buona parte l’aspetto interno ed esterno del complesso (aggiunta di una nuova manica per ambienti di servizio).

Scheda descrittiva in collaborazione con www.langamedievale.com

 


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca