Domenica 29 agosto, sabato 4, 11 e 18 settembre
Cortemilia, Cravanzana, Bergolo, San Benedetto Belbo
Dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Monumenti, sentieri e sapori in Alta Langa

L’Associazione Langa Medievale, in collaborazione con Turismo in Langa, Associazione Terre Alte, con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo e con il contributo di Fondazione CRC, organizza quattro escursioni nei mesi di agosto e settembre per scoprire i monumenti storici all’interno del circuito di Langa Medievale e i paesaggi che caratterizzano il territorio dell’Alta Langa. Le camminate saranno: domenica 29 agosto a Cortemilia, sabato 4 settembre a Cravanzana, sabato 11 settembre a Bergolo e sabato 18 settembre a San Benedetto Belbo.

copertina-guida-Langa-medievale-copia-2 

Durante le escursioni, condotte dall’associazione Terre Alte, verranno proposti spettacoli teatrali ed interventi musicali curati dal giovane attore albese Paolo Tibaldi, che seguirà la direzione artistica dell’iniziativa.
In ogni appuntamento sarà infatti proposto un vero e proprio cortometraggio teatrale, dalla durata contenuta.
In occasione del settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri, i temi dei cortometraggi teatrali proposti, verteranno sulle opere dello scrittore fiorentino.

Ogni escursione terminerà con la degustazione di prodotti tipici locali presso strutture ristorative del territorio.

L’iniziativa Monumenti, Sentieri e Sapori in Alta Langa rientra nella rassegna Walking Art – Itinerari emozionali tra Langhe e Roero organizzata da Turismo in Langa, con il sostegno dalla Fondazione Compagnia di San Paolo all’interno del “bando VIVA. Sostegno all’offerta culturale estiva nei territori”, una rassegna di passeggiate ed escursioni nel territorio del Roero, della bassa e dell’Alta Langa nei mesi di agosto e settembre con visite guidate a beni culturali, spettacoli teatrali e musicali e degustazioni presso le strutture ristorative del territorio. Walking art – Itinerari emozionali tra Langhe e Roero è l’incontro di due rassegne consolidate negli anni, i Notturni sulla Strada Romantica e Monumenti, Sentieri e Sapori in Alta Langa.

Domenica 29 agosto – Escursione a Cortemilia;

Il percorso che vi proponiamo presenta una spiccata valenza paesaggistica e storica e si sviluppa nel territorio dove ha sede l’Ecomuseo dei Terrazzamenti: un museo a cielo aperto dove si possono ammirare le più suggestive colline disegnate e plasmate dall’opera dell’uomo a partire da epoche lontanissime. Le verticali pareti scavate dal corso del Bormida e dell’Uzzone creano una spettacolare cornice alla natura rigogliosa e verdeggiante e le architetture edificate con la “pietra di Langa”, l’arenaria locale, si fondono perfettamente con l’ambiente incontaminato di queste colline.

Percorreremo una parte della GtL (Grande Traversata delle Langhe), un piacevole cammino che attraversa freschi boschi dove sono presenti numerosi esemplari di roverella, orniello e pino silvestre e ammireremo la variegata flora tipica delle sommità collinari della Langa. Raggiungeremo uno dei luoghi più suggestivi e panoramici delle Alte Langhe: la cappella romanica di San Sebastiano a Bergolo.

Spettacolo

L’amoroso in canto, con Martina Mansueto (attrice) – Bruno Zanchetta (musicista) – Sara Lacitignola (cantante).
Chiudete gli occhi e provate ad immaginare davanti a voi l’ ombra del più grande poeta di tutti i tempi. Da 700 anni torna sulla terra in un giorno come questo per ricordarci qualcosa di molto importante. Le sue parole accompagnate da musica e canto vi traghetteranno in un viaggio che procede dal basso verso l alto , dai sensi allo spirito, dal presente al passato, dal terreno al divino, dal dramma alla risata.

Sabato 4 settembre – Escursione a Cravanzana;

Percorreremo i sentieri dell’Alta Langa, le cui colline, immerse in un verde smeraldino e in una natura rigogliosa, sono avvolte in un’ atmosfera di pace e tranquillità. Sentieri percorsi in passato da mercanti e pellegrini, cavalieri e contadini che attraversavano la Valle Belbo e la Valle Bormida.

Il territorio che attraverseremo nella prima parte del percorso è caratterizzato dalla presenza di numerosi noccioleti. Su queste silenziose e verdi colline sono concentrati i più vasti noccioleti della zona di produzione della pregiata nocciola Piemonte I.G.P. conosciuta come “tonda gentile trilobata delle Langhe”. Si prosegue percorrendo un crinale di grande bellezza paesaggistica con un’ampia veduta sulla Valle Bormida e giunti nel territorio di Torre Bormida, dopo aver ammirato dei pregevoli muretti a secco in pietra arenaria, ci addentreremo all’interno di un suggestivo e appartato bosco di querce e pino silvestre. L’antico camminamento lungo il Sentiero del Bosco” ci condurrà alla porta medievale del paese dove sono ancora visibili le mura e i ruderi del castello. Ritorneremo a Cravanzana concludendo un anello di grande interesse paesaggistico e naturalistico. Il percorso si sviluppa quasi interamente all’ombra di boschi misti, faggete e noccioleti ed è particolarmente panoramico.

Spettacolo

Libertà van cercando, di e con Diego Coscia e Gabriele Zunino. Siamo all’inizio del XXI secolo: la confusione regna sovrana, i valori si sovvertono di continuo e l’uomo si scaglia contro l’uomo convinto delle proprie ragioni, senza conoscerle o senza saperle argomentare. Due giovani uomini s’incontrano in un luogo dove l’aria è corrotta e pesante: una strana forma di odio li divide.  In mezzo c’è la “libertà”, oggetto al quale non si riesce a trovare una forma condivisa. Dante mette ordine alla realtà e alla fantasia, colloca ogni cosa al suo posto ma sovverte talvolta l’ordine comune: Catone, suicida, non è all’inferno, ma addirittura sorveglia l’accesso al purgatorio. Dante cerca la libertà (dal peccato; nell’esilio) Catone la perseguì a costo della sua vita. Libertà diverse. Ma Dante riesce a farne un unico oggetto, un terreno di mutua comprensione. Noi ce la faremo, o ci faremo la pelle in nome di essa?

Sabato 11 settembre – Escursione a Bergolo;

Le colline delle meraviglie: così si potrebbe definire il territorio della Valle Bormida che segue la traccia di antichi sentieri percorsi in passato da cavalieri, mercanti e pellegrini. Partendo da Bergolo, il piccolo “paese di pietra”, e dopo aver visitato la cappella di San Sebastiano, importante testimonianza architettonica del romanico, percorreremo un sentiero che si sviluppa sulla panoramica cresta che fa da displuviale tra la Valle Uzzone e la Valle Bormida. Il territorio era inglobato nei domìni dei Marchesi Del Carretto. Il potente casato di “aleramiche” origini controllava le vie di comunicazione che collegavano il sud del Piemonte alla Liguria. Su questi impervi sentieri sono transitati per centinaia di anni carichi di merci che provenivano dai porti della Liguria o che ad essi erano destinati. L’importanza strategica del territorio la si legge nelle ricche testimonianze artistiche ancora visibili: torri, castelli e chiese che avremo modo di conoscere e visitare durante il percorso. Rientreremo a Bergolo nel pomeriggio.

Spettacolo

Sospiri, pianti ed alti guai, di e con Federico Ferrando e Riccardo Tortarolo.
Lo spettacolo, prendendo in prestito versi della prima cantica della Divina Commedia, si propone con un testo originale di compiere un percorso nella psicologia di alcuni iconici personaggi dell’Inferno che il sommo poeta incontra durante la discesa. Il viaggio ha inizio con l’intramontabile incipit nella Selva Oscura, dove Dante incontra Virgilio, che si trova a dover motivare il primo con spirito spiccatamente paternalista e terminerà con la consapevolezza che il viaggio infernale nasconda alla fine il pericolo di ritrovarsi in un altro inferno, quello terrestre, ma allo stesso tempo con la speranza che levando lo sguardo al cielo, si possano sempre rivedere le stelle.

Sabato 18 settembre – Escursione a San Benedetto Belbo
Clicca qui per info tecniche e prenotazioni

L’escursione che vi proponiamo si sviluppa sulle colline silenziose e appartate dell’Alta Langa dove la natura è rigogliosa e le storia ha lasciato la sua impronta ancora leggibile nel paesaggio.
Partiremo da San Benedetto Belbo, piccolo e caratteristico centro abitato incastonato nel verde delle vallate: questo angolo di Langa e i suoi abitanti ispirarono le più intense pagine dello scrittore albese Beppe Fenoglio e noi, durante la camminata toccheremo i luoghi letterari più significativi.
Il percorso si sviluppa in parte sulla displuviale tra la Valle Belbo e la Valle Bormida permettendo così di ammirare scorci panoramici di grande bellezza e tocca luoghi di interesse storico-artistico. Rientreremo al nostro punto di partenza percorrendo un sentiero immerso in un ambiente naturale e incontaminato che tocca luoghi di particolare interesse storico.

Spettacolo

La canzone di Dante – La battaglia di Campaldino, con Alessio Giusti e Mario Bois.
L’11 giugno 1289 sulla piana di Campaldino, nella valle del Casentino in territorio d’Arezzo, a pochi passi dal castello di Poppi e sotto l’eremo di Camaldoli che ospitò San Francesco, si disputò una delle battaglie più cruente dell’annoso contrasto tra Guelfi e Ghibellini.
Uno scontro tra antico e moderno, tra aspirazioni mercantili e ideologie non sempre chiarissime, uno scontro che forse non avrebbe avuto così tanta rinomanza se tra le prime file dei cavalieri guelfi di Firenze, quei “feditori” chiamati da Vieri de’ Cerchi a reggere il primo urto della cavalleria aretina, non vi fosse stato anche un giovane poeta di nome Dante Alighieri. E l’eco di quello scontro e di ciò che Dante vide, avrebbe continuato a riverberare in tutte le sue opere, con personaggi incontrati nel cammino della Divina Commedia, ma anche con le scene infernali di campi lordi di sangue e anime fatte a brandelli.
La Canzone di Dante vuole essere proprio una sorta di Chanson de geste di un cavaliere-poeta che si batte tra le file della sua città, introdotta dalle ottave tipiche dei poemi cavallereschi declinate sulla tradizione degli improvvisatori della tradizione toscana per poi fluire in una confessione uscita proprio dalla bocca di Dante e raccolta da un misterioso frate.

Le escursioni saranno condotte dalle guide dell’Associazione Terre Alte che racconteranno la storia del territorio e delle meravigliose opere che s’incontreranno durante il percorso. Le escursioni termineranno con degustazioni di prodotti tipici. 

Gli itinerari in programma sono adatti a persone di ogni età, munite di adeguato abbigliamento e scarpe da ginnastica. Il costo di partecipazione è di 12 euro a persona e gratuito sotto i 14 anni. 

Per partecipare agli spettacoli proposti, è necessario essere in possesso di Green Pass.

Le informazioni tecniche per le escursioni e le prenotazioni sono disponibili sul sito www.terrealte.cn.it

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca