Castello di Diano d’Alba

Castello di Diano d'Alba

Castello di Diano d’Alba

Diano d’Alba rappresenta, in tutto il territorio delle Langhe, un punto in grado di offrire uno dei panorami paesaggistici più affascinanti: a ponente si distendono le dolci colline della Langa del Barolo che vanno gradualmente unendosi al Roero; a levante, invece, si scorgono in lontananza le prime asperità tipiche dell’alta Langa.

Il centro attuale si può dividere in due parti: il nucleo residenziale, sede delle attività artigianali e commerciali, e il borgo, nella parte alta, dove nacque il primo insediamento, caratterizzato da belle case in pietra e mattoni. Qui sorgono il palazzo municipale, la settecentesca chiesa di San Giovanni Battista e soprattutto  i resti del castello medievale. Dal suo belvedere, lo sguardo del visitatore ha la possibilità di spaziare a 360°, come se si trovasse su un balcone da cui godere di una vista impareggiabile. Davanti ai suoi occhi, infatti, si estende un paesaggio di colline, pianure, vigneti e castelli.

Storia

In età medievale Diano fece parte del comitato di Alba; successivamente passò sotto il controllo dei marchesi del Monferrato fino ad essere annesso ai territori sabaudi all’inizio del XVII secolo.

Per quanto riguarda il castello, rimasto in uso fino al Cinquecento in virtù del suo carattere strategico, oggi sono presenti soltanto alcuni resti, che tuttavia non rendono l’idea delle originarie fattezze. L’area infatti è stata risistemata a belvedere con annesso giardino pubblico e le strutture murarie superstiti sono state oggetto di un recentissimo intervento di recupero e valorizzazione.

Orari di apertura

È possibile visitare il bene solo dall’esterno.

Scheda descrittiva in collaborazione con: www.langamedievale.com

 


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca