Asti Spumante e Moscato d’Asti

moscato

Moscato

Asti Spumante  e Moscato d’Asti, già DOC nel 1967, hanno ottenuto il riconoscimento di vini a denominazione di origine controllata e garantita nel 1993.
L’Asti ha gradazione alcolica complessiva minima di 12% di cui svolti 7-9,5%; presenta spuma fine, persistente, limpidezza brillante, colore da paglierino a dorato assai tenue, odore caratteristico, spiccato, delicato, sapore aromatico, caratteristico, delicatamente dolce, equilibrato.

Per l’Asti, in degustazione, la tradizione suggerisce la coppa, mentre le tendenze attuali puntano, come per tutti gli spumanti, alla flûte che permette una maggiore valutazione della spuma e dell’effervescenza, nonché un rilascio più lungo nel tempo dell’aroma caratteristico
Il Moscato d’Asti, con gradazione alcolica complessiva minima di 11% di cui svolti 5,5-6,5%, ha limpidezza brillante, colore paglierino più o meno intenso, aroma caratteristico e fragrante, sapore dolce, aromatico, caratteristico, talvolta vivace e frizzante. Il Moscato d’Asti predilige calici meno allungati e più ampi alla base.


Masche

Masche

Ogni bimbo piemontese conosce le paurose storie delle masche: tradizione popolare antica, cui non sfuggono le giovani generazioni.

VAI
Barolo

Barolo DOCG

Barolo: il Re dei Vini, il Vino dei Re. Una breve guida per saperne di più su storia, caratteristiche organolettiche e abbinamenti gastronomici.

VAI
Barbaresco DOCG

Barbaresco DOCG

Il territorio della denominazione di origine controllata e garantita Barbaresco è quello compreso nei comuni di Neive, Barbaresco e Treiso, oltre alla frazione di Alba San Rocco Seno d’Elvio.

VAI

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca