Sabato 19 e domenica 20 settembre 2020
Falseum, Verrone
Sabato 19 settembre 2020 dalle 15 alle 21,30 e domenica 20 settembre 2020 dalle 11 alle 18,30

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

LA FABBRICA DEL FALSO

Azienda Agricola Terre Sparse di Matteo Trompetto
Punto vendita diretto in Via Chiaverano 21, Cascinette d’Ivrea (TO)
Maggiori info sulla cantina, clicca qui!

Frenesia – Canavese Rosso DOC

Prodotto con uve Freisa coltivate con il sistema a pergola canavesana, la topia. Le uve vengono raccolte a mano per preservarne al massimo la qualità e l’integrità. Il vino viene affinato in barriques all’interno dei balmetti, cantine naturali tipiche della zona di Ivrea, scavate nella montagna del Mombarone. Il vino non è filtrato e si presenta di colore rosso rubino lucente.
Al naso dà subito un profumo complesso, dove prevalgono frutti rossi e piacevoli sentori speziati e di cioccolato. Al gusto il vino ha una buona struttura, dotata di ottima pienezza gustativa, caratterizzata da una tannicità ben presente ma molto avvolgente e rotonda. E’ un’edizione limitata.

azienda-agricola-terre-sparse-vino-rosso-frenesia

Vin d’la Töpia –  Vino Bianco

Prodotto con uve bianche tipiche del Canavese coltivate con il sistema a pergola canavesana, la topia. Le uve vengono raccolte a mano per preservarne al massimo la qualità e l’integrità. Le uve subiscono una breve macerazione, il vino viene affinato sulle sue fecce fini per stabilizzarlo e arricchirlo donandogli un gusto ricco e piacevole.
Esso si presenta di colore giallo paglierino con riflessi tendenti al verde. Al naso si ha un profumo netto e pronunciato, caratteristico, con sentori di fieno e fiori bianchi. Al gusto è morbido, con una spiccata freschezza e mineralità. Questa caratteristiche sono tipiche della zona di produzione.

Bugia o verità?

Nel Canavese la vite è spesso coltivata su stretti terrazzamenti dove il sistema a contro spalliera (il sistema di allevamento classico che vedete nelle vigne) non è sufficiente a fornire la luce necessaria per una perfetta crescita della pianta.

Per massimizzare la luce e gli spazi, in questa zona viticola, i terrazzamenti venivano sfruttati al meglio con l’uso dei sistemi a pergola chiamati localmente topie (ovvero dei tendoni su cui vengono fatte crescere le viti): le pergole sono sorrette da piloni in pietra o pilun, i quali hanno lo scopo di sorreggere la pergola e di immagazzinare calor, cedendolo nelle ore notturne alla pianta e al suolo, mitigando cosi gli sbalzi termici montani tra il giorno e la notte.

Sapete come vengono chiamate, nel Canavese, le cantine naturali collegate alle viscere della montagna?

I balmetti o balmit, la cui etimologia risale alla parola balma della lingua celto-ligure, sono incavi o, se vogliamo, delle cantine naturali che si sviluppano all’interno della montagna del Mombarone.
La loro particolarità consiste nel fatto che ogni balmetto fa parte di una catena di aperture lasciate dallo scioglimento del ghiacciaio balteo.
I balmetti sono collegati alle viscere della montagna, le quali li forniscono naturalmente di un flusso di aria fredda, garantendo temperature tra i 7 e gli 8 gradi celsius e umidità costanti.
I balmetti erano utilizzati per la conservazione dei prodotti alimentari freschi e soprattutto per la maturazione dei vini, che qui possono dimorare senza disturbo e senza dover ricorrere a sistemi di ventilazione o condizionamento.

LA FABBRICA DEL FALSO

Questa sala è il cuore del museo e mostra le conseguenze che il falso ha avuto sulla storia, ovvero di come e quanto le bugie abbiano letteralmente fatto la Storia. Dalla donazione di Costantino ai gonnellini scozzesi, le storie di falsi raccontano anche l’invenzione della tradizione, dell’altro e del nemico: noi e “l’altro da noi”. Per definire la propria identità e quella dei vicini o dei nemici, l’uomo è da sempre ricorso a falsificazioni. Il visitatore capirà così la natura ambigua del falso: la menzogna ha prodotto guerre, pregiudizi, attacchi ingiustificati.

Clicca qui per la prossima sala!

Associazione Turismo in Langa
P. Iva 02987630049 - CF 91009030049

Sviluppo & design Paolo Racca